Archivio per luglio 2016

25
Lug
16

Law and Neuroscience by Owen D. Jones, Matthew R. Ginther :: SSRN

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Abstract: This encyclopedia entry discusses how the intersection of perennial legal questions and new neuroscientific advances has fueled the emergence of a new field: Law & Neuroscience. It provides an overview of issues, discussing both the promise and the limitations.

See on papers.ssrn.com

25
Lug
16

Neuroscience and the Law: Don’t Rush In

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

As you sit reading this, you probably experience an internal voice, unheard by any outsider, that verbally repeats the words you see on the page. That voice (which, in your case, speaks perfect English) is part of what we call your conscious mind. And the physical organ that causes what you see on the page …

See on nybooks.com

25
Lug
16

Brief introduction to cognitive psychology applied to investigation and forensics by Paola Giannetakis 

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Behavior is the result of complexes mental processes that take place within our brain and it is clear that for the most we are not aware of such processes taking place, this implies a series of important considerations. The effects of these processes may produce a concrete impact on decisional processes that can influence dramatically the proceedings especially in high demand tasks and in specific professions. For example, we tend to believe to have control over the way we perceive the reality, we tend to overestimate the capability of memorizations of information. I will try to explain briefly a series of processes to highlight the limitation of human brain. We store information in our memory, what is working memory? Working memory is a cognitive system that maintains and elaborates information; it processes simultaneously both the incoming information and the retrieval of information. According to Baddeley, the working memory manipulates the information through three components: the phonological loop, the central executive and the visuospatial sketchpad. The visuospatial sketchpad (VS) holds visual and spatial information, this means that for example, the VS retains the information of how a word is written and where is spatially located but also is the place in which are retained and manipulated visual images. According to Shepard and Mezler, their experiment of comparing objects demonstrates how the VS is involved in the process of visual imagery; they presented four objects and asked to subjects to indicate whether these objects were the same or different objects, the subjects recognized the objects as being the same but rotated, this answer occurred in few second and they used the mental rotation function that is a function located within the visuospatial sketchpad’s function. https://www.linkedin.com/pulse/brief-introduction-cognitive-psychology-applied-paola-giannetakis

See on linkedin.com

24
Lug
16

Quanto è libero il libero arbitrio? – Il Post

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

L’Atlantic ha ripreso un esteso dibattito in corso da decenni tra neuroscienziati e filosofi: esiste un “libero arbitrio”, o le nostre scelte sono determinate da fattori genetici e ambientali?

Un giorno di ottobre del 2005 il neuroscienziato statunitense James Fallon, docente di psichiatria e neurobiologia alla School of Medicine dell’Università della California (UCI), stava osservando una serie di scansioni del cervello di alcuni pazienti ottenute mediante PET (tomografia a emissioni di positroni, un esame molto usato in neurologia e nella diagnostica oncologica). Fallon stava lavorando a uno studio il cui obiettivo era quello di rintracciare eventuali tratti anatomici comuni o particolari alterazioni nel cervello di un gruppo di assassini seriali con comprovate tendenze psicopatiche. Tra le numerose immagini diagnostiche sparse sulla scrivania, per altre ricerche a cui stava lavorando, Fallon aveva anche le scansioni del suo cervello e di quello dei suoi familiari. In una di quelle immagini notò evidenti caratteristiche comuni alle scansioni del cervello di molti assassini che stava studiando: una ridottissima attività cerebrale in alcune aree del lobo frontale e temporale, aree che numerosi studi di neuroscienze associano all’empatia, all’autocontrollo e all’inibizione dell’impulsività. Considerando che si trattava della sua famiglia, Fallon violò il metodo di lavoro “in cieco” e scoprì subito l’etichetta che nascondeva il codice identificativo della persona a cui apparteneva quella scansione: il cervello era il suo. Non solo: cercando informazioni sulla propria storia familiare, Fallon scoprì di essere un lontano discendente di Lizzie Borden – protagonista di un noto e controverso processo per parricidio nel 1892 – e di avere sette assassini noti tra i suoi antenati da parte di padre. «Questo creerà qualche problema alla prossima festa che diamo», disse a sua moglie revisionando i dati della ricerca.

See on ilpost.it

23
Lug
16

Behavioural Economics and Complex Decision-Making Implications for the Australian Tax and Transfer System

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Individuals are faced with an increasingly complex arra y of decisions in their day to day lives. Economic growth and deregulation has greatly increased the c hoices available to people in Australia, as in other comparable countries. For example, where 30 years ago households had access to a single type of telephone connected to a single network, there are now a plet hora of technologies, companies and pricing packages. Similarly with financial and investment products , the number of choices has increased massively. Households now have access to many different types of mortgage and a great range of different ways in which they can invest their savings. While this increase in the range and diversity of choices undoubtedly brings many benefits, it does require people to make ever more complex decisions. For huma n decision-makers, particularly those with limited knowledge and experience, this can be a difficult t ask. At the same time individuals are increasingly responsible for their own finances, for example as personal superannuation replaces company pensions. With increased choice comes increased risk of costly error. Ma ny people feel there are too many choices and they do not have the knowledge required to make many of the decisions which are expected of them (Fear 2008; ASIC 2009). As people’s financial circumstances have become more co mplex, so too have their interactions with the tax and transfer system. To some extent there is an inevitable arms race between financial innovation and tax complexity. As new financial instruments emerge, including many specifically designed to minimise tax, tax law must also evolve to deal with them; and as tax la w changes, the finance sector is quick to respond with innovative products and strategies. This has resulted in a complex and continually changing tax and transfer system which may not be well suited to the vagaries of human decision-making. http://taxreview.treasury.gov.au/content/html/commissioned_work/downloads/CSIRO_AFTS_Behavioural_economics_paper.pdf

See on taxreview.treasury.gov.au

23
Lug
16

Non solo tecnologia… complessità e imprevedibilità dei sistemi organizzativi

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

L’unica conoscenza che valga è quella che si alimenta di incertezza, e il solo pensiero che vive è quello che si mantiene alla temperatura della propria distruzione 

Quando si separa la mente dalla struttura in cui è immanente – come un rapporto umano, la società umana o l’ecosistema – si commette, io credo, un errore fondamentale, di cui a lungo andare sicuramente si soffrirà Gregory Bateson Rispetto alle leggi scientifiche, la realtà si è dimostrata più ricca e stravagante di quanto potessero prevedere coloro che avevano fatto di queste leggi il mezzo determinante della esplorazione del mondo Ilya Prigogine Il nuovo ambiente plasmato dalla tecnologia elettrica è un ambiente cannibalistico che divora le persone. Per sopravvivere, bisogna studiare le abitudini dei cannibali Marshall McLuhan

Sistemi e organizzazioni complesse devono confrontarsi e interagire con ecosistemi sempre più caotici e disordinati ma, allo stesso tempo, sempre più interdipendenti e interconnessi, che attraversano un’ulteriore fase (critica) di evoluzione – non lineare – per differenziazione segnata dall’avvento dell’economia interconnessa dell’immateriale (Dominici). Un tipo di economia e di contesto storico-sociale – che ho definito Società Ipercomplessa (2003-05) – che, al di là delle resistenze, soprattutto di tipo culturale, stanno costringendo sempre più i sistemi organizzativi a configurare nuovi modelli e strategie uniformandosi, almeno in termini di etichetta, ai principi della trasparenza e dell’accesso e, più in generale, dell’openness e della condivisione della conoscenza. In tal senso, la comunicazione (non soltanto quella organizzativa), da “semplice” strumento di manipolazione, persuasione (più o meno occulta e responsabile), promozione, reputazione, consenso e costruzione di una visibilità (paradossalmente) fine a sé stessa, è destinata progressivamente a diventare e, soprattutto, ad essere riconosciuta come vero e proprio vettore di trasparenza, accesso, servizio, condivisione, riduzione della complessità. In altre parole, fattore strategico di efficienza e non soltanto per l’immagine e/o la reputazione, il consenso o la vendita.

See on pierodominici.nova100.ilsole24ore.com

23
Lug
16

L’importanza dell’etica per il futuro della tecnologia

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

La tecnologia si sta evolvendo molto più velocemente del previsto, e l’unico modo per evitare che internet si trasformi in una fogna è affidarsi all’etica.

See on motherboard.vice.com




Time is real? I think not

luglio: 2016
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Commenti recenti

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 835 follower

Latest Tweets

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Alessandro Cerboni


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: