Archivio per 7 luglio 2016

07
Lug
16

Rationality: why social context matters

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Max-Planck-Institut für Bildungsforschung

Abstract Rationality is commonly identified with axioms and rules, such as consistency, which are defined without reference to context, but are imposed in all contexts. In this chapter, I focus on the social context of rational behavior. My thesis is that traditional axioms and rules are incomplete as behavioral norms in the sense that their normative validity depends on the social context of the behavior, such as social objectives, values, and motivations. In the first part, I illustrate this thesis by showing that social context can determine whether an axiom or rule is satisfied or not. In the second part, I describe an alternative to context-independent rationality: a domain-specific theory of rational behavior derived from the evolutionary theory of cooperation.

See on mpib-berlin.mpg.de

07
Lug
16

RAGIONARE SU PROBABILITA’, POSSIBILITA’ E FREQUEZE

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Lo scopo di questa dispensa è quella di presentare alcuni recenti sviluppi della ricerca sul ragionamento probabilistico. Come abbiamo visto nella lezione precedente (Lezione 6 del Blocco “Ragionamento”), negli ultimi decenni numerose ricerche sperimentali hanno dimostrato i limiti delle nostre capacità di valutare eventi incerti. In particolare, i lavori di Kahneman e Tversky hanno dimostrato che i nostri giudizi probabilistici sono spesso guidati da procedure euristiche (v. ad es. Tversky & Kahneman, 1974) che, in qualche caso, ci portano a formulare giudizi probabilistici sistematicamente scorretti (i cosiddetti “biases” di giudizio). Basti ricordare a questo proposito, la fallacia della congiunzione prodotta dall’attivazione dell’euristica della disponibilità (v. il problema di Linda, Lezione 6 e Capitolo 3 di Girotto, 1994). La dimostrazione sperimentale dei limiti del nostro ragionamento ha contribuito a mettere in crisi la visione tradizionale del pensiero umano (quella difesa dalla teoria della scelta razionale), che presupponeva una nostra impeccabile capacità di fornire giudizi probabilistici corretti (v. per una rassegna, Piattelli-Palmarini, 1994). Negli ultimi anni, però, alcuni ricercatori (es. Cosmides & Tooby, 1996; Gigerenzer, 2003; Gigerenzer & Hoffrage, 1995) hanno proposto una teoria ancora più pessimistica del ragionamento probabilistico. 

See on pensierocritico.eu

07
Lug
16

The Adaptive Toolbox: Toward a Darwinian Rationality Gerd Gigerenzer

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

   A cartoon shows an early Homo sapiens standing in front of a cave. He is calculating the trajectory of a lion’s jump and the magnitude of the impulse the Iion will have in order to decide what to do. The Iast picture shows a sated, happy Iion. The cartoon makes us smile because its message conflicts with our ideai of rational decision making, which demands that we go through ali the available information, deduce ali the possible consequences, and compute the optimal decision. Good decision making, from this point of view, is based on the ideals of omniscience and optimization. An organism aiming for these heavenly ideals, however, might not survi·e on earth. Nevertheless, the majority of models of rational decision making in the socia!, behavioral, and cognitive sciences, as well as in economics, rely on some version of this doctrine. Even when empirica! studies show that actual human beings cannot live up to it, the doctrine is not abandoned as other models would be-it is retained and declared a norm, that is, how we http://pubman.mpdl.mpg.de/pubman/item/escidoc:2102371/component/escidoc:2102370/GG_Adaptive_2001.pdf

See on pubman.mpdl.mpg.de

07
Lug
16

» Corruption: Can a behavioural approach shift the dial? | The Behavioural Insights Team

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

The first global summit on anti-corruption was held in London in May. The summit brought together world leaders, businesses, academics, civil society and international organisations to discuss the practical steps that could be taken to tackle corruption across the world. Here at BIT, we think that behavioural science can make an important contribution to anti-corruption. David Halpern, our CEO, articulated this recently in his contribution to the Anti-Corruption Manifesto. In order to explore the behavioural angles to corrupt practices in a range of policy domains, we organised a roundtable at the recent Behavioural Exchange conference. We were joined by leading academics and practitioners specialising in behavioural science and corruption. Here are six interesting points that were discussed:

See on behaviouralinsights.co.uk

07
Lug
16

Le insidie della complessità e l’ansia del controllo totale

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Le insidie della complessità e l’ansia del controllo totale. Nel 2005 uscì un articolo che fece molto scalpore, il titolo era già un proclama ‘Why most Published Research Findings are false’ né più né meno ‘Perché la maggior parte dei risultati scientifici pubblicati sono falsi’1 . La rivista era delle più prestigiose e John Ioannidis, statistico greco di stanza a Stanford, uno scienziato di chiara fama. Ioannidis non usava ipotesi moralistico-consolatorie (molto in voga negli Stati Uniti) come “E’ la smania di successo di alcuni scienziati che li porta a falsificare i dati”, ma individuava la fallacia di gran parte della ricerca scientifica in semplici considerazioni statistiche. Il furioso dibattito che seguì alla pubblicazione ebbe termine con il riconoscimento della effettiva mancanza di ripetibilità della ricerca (soprattutto in biomedicina). Grandi agenzie di finanziamento come l’NIH (National Institutes of Health, l’agenzia di ricerca biomedica americana che è di gran lunga il maggior erogatore di fondi) inserirono standard molto severi sulla congruità statistica dei risultati e Nature (insieme a Science la rivista scientifica più di tendenza) ha recentemente pubblicato un intero numero sul problema della mancanza di ripetibilità dei risultati della ricerca di base in biomedicina2 .

See on researchgate.net




Time is real? I think not

luglio: 2016
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Commenti recenti

Lorenzo Bosio su Un testo che trascende le sue…

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.160 follower

Latest Tweets


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: