Archivio per settembre 2016

30
Set
16

Il Rigoletto/ L’economia nella mente

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

“L’economia nella mente” di Paolo Legrenzi e Armando Massarenti

II panorama economico degli ultimi anni ha incrinato le certezze dei risparmiatori, che devono decidere come investire in uno scenario incerto. Molti sostengono che la soluzione consista nel promuovere una maggiore alfabetizzazione finanziaria. Ma e davvero cos)? Paolo Legrenzi e Armando Massarenti mostrano che, per non gettare al vento i nostri risparmi, la prima cosa da imparare e come funziona la mente e come evitare di prendere decisioni dettate dall’irrazionalita e dall’emotivita. Spesso la pigrizia ci impedisce di cambiare le scelte di investimento del passato, la paura ci spinge a vendere un titolo azionario subito dopo it crollo di una Borsa. Se invece impariamo a evitare comportamenti irrazionali e a controllare le nostre emozioni, potremo investire i nostri risparmi dormendo sonni tranquilli (senza nascondere i soldi sotto it materasso).

See on affaritaliani.it

30
Set
16

5 MODI PER CAPIRE QUANDO QUALCUNO CI STA MENTENDO

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Non sarebbe bello se si potesse capire quando qualcuno mente? Vediamo cosa ci dicono le ricerche su come scoprire le bugie, evitare gli inganni, ecc. e come evitare di essere raggirati dai professionisti in questo campo: i geni della truffa Per ottenere le risposte giuste, ho chiesto l’aiuto di un esperto: Maria Konnikova è una scrittrice che collabora con The New Yorker. Il suo nuovo meraviglioso libro s’intitola “The confidence Game”. Maria, grazie alle sue ricerche, ha conoscenze profonde su come riconoscere le bugie ed evitare le truffe. Ha perfino osservato i geni della truffa all’opera, per vedere come pensano e agiscono. Innanzitutto, un avvertimento: scoprire le bugie è difficile. Non pensate che ci sia una panacea. Non c’è. Se ci fosse, chiunque potrebbe usarla. E la maggior parte delle cose che crediamo di conoscere è sbagliata. Dice Maria: Non esiste un naso di Pinocchio che indichi le bugie. Non c’è un segnale tangibile che smascheri i bugiardi, non importa quel che ne pensiamo. Ci sono molte credenze popolari su come si possa scoprire un bugiardo: il truffatore evita di guardarti negli occhi, suda, arrossisce, ecc. In realtà, quando parliamo con bugiardi esperti, questo non succede. Allora, cosa si può fare per scoprire le bugie ed evitare di essere ingannati? Ecco le risposte …

See on veja.it

30
Set
16

These are the people who will elect the next president of the US. 

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

An analysis of the differences between liberals and conservatives, from brain structure and personality to values and consumer behavior.

At one, you’ll see Trump impersonators, free helicopter rides for children and even elephants roaming around with “Make America Great Again” painted on their sides. In between chants to “build a wall–kill them all,” you’ll hear promises to take the country back to better times, when America was truly great. Read more at http://blog.visme.co/the-anatomy-of-trump-and-hillary-supporters-infographic/#xwqxUITeciUmTg6g.99

See on blog.visme.co

30
Set
16

Nudge Factory | Good for Community, Good for Business

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

The dust is starting to settle following what must surely be one of the most tumultuous months in British politics. In the wake of the Brexit vote and subsequent Conservative Leadership election, Prime Minister May has just finished putting together her new Ministerial team. What can we learn from the shape of the new Government? And what should we be looking out for in future? Too much blood? The scale of Ministerial sackings was well beyond what had been anticipated. It was not just taking a broom for a clean sweep of the Government, but more a case of scouring Whitehall out with bleach. The Notting Hill set was decimated, with supporters of Cameron, Osborne and Gove all losing jobs, and other, sometime long-serving, Ministers also being culled. In all, nearly 30 Cabinet and junior Ministers lost their jobs – that is around one quarter of the entire payroll vote. The desire for a fresh start was to be expected as a new PM stamps their authority. However, there is also a sense amongst the Tory benches of scores being settled, certainly in the case of Gove and his backers, and the manner in which Osborne departed. With a Commons majority of just 16, time will tell whether so many sackings will mean trouble in future votes. The newly appointed Chief Whip, Gavin Williamson, may have a job on his hands.

See on nudgefactory.co.uk

29
Set
16

How does ‘complexity thinking’ improve our understanding of politics and policymaking?

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

It is customary to describe complexity theory as new, exciting, and interdisciplinary. Its advocates suggest that it offers a new way of seeing the world, a scientific paradigm to replace ‘reductionism’, a way for many academic disciplines to use the same language to explain key processes, and the potential for an impressively broad and rich empirical base. Robert Geyer and I explore these themes in the introduction and conclusion to our edited Handbook on Complexity and Public Policy. In this short discussion, I present a more critical discussion of these high expectations, examining how they translate into something new for political and policy science, and asking: what does complexity theory offer policy studies? I suggest that its focus on greater interdisciplinarity is potentially misleading, that its theoretical appeal may be more about conceptual consolidation than novelty, and that it may take some time to demonstrate its empirical value in relation to more established theories. We can use this discussion to draw parallels between the study of policy and legal processes.

See on paulcairney.files.wordpress.com

28
Set
16

Paul Cairney: Complexity Theory & Complex Adaptive Systems

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Paul Cairney’s talk at the CIPFA conference in Dundee raised some interesting questions around national policy making and the lack of an effective holistic understanding of the system in the UK. The Professor of Politics and Public Policy at the University of Stirling believes, that more power should be given to local authorities in order to better tackle complex and ever-changing problems. I believe this to be very relevant to the user-centric philosophy of service design. Making the local authorities more responsible for solving the problems at hand could increase the speed and efficiency of policy making the same way involving users can increase an efficiency of a service better than centralised decisions made by high management.

See on zasmastersproject.wordpress.com

28
Set
16

Mathematical Reasoning And Heuristics:  C. Cellucci, D. Gillies

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

This volume is a collection of papers on philosophy of mathematics which deal with a series of questions quite different from those which occupied the minds of the proponents of the three classic schools: logicism, formalism, and intuitionism. The questions of the volume are not to do with justification in the traditional sense, but with a variety of other topics. Some are concerned with discovery and the growth of mathematics. How does the semantics of mathematics change as the subject develops? What heuristics are involved in mathematical discovery, and do such heuristics constitute a logic of mathematical discovery? What new problems have been introduced by the development of mathematics since the 1930s? Other questions are concerned with the applications of mathematics both to physics and to the new field of computer science. Then there is the new question of whether the axiomatic method is really so essential to mathematics as is often supposed, and the question, which goes back to Wittgenstein, of the sense in which mathematical proofs are compelling. Taking these questions together they give part of an emerging agenda which is likely to carry philosophy of mathematics forward into the twenty first century.

See on amazon.it

28
Set
16

Nudging, l’economia comportamentale che insegna a vivere meglio

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Si chiama Nudging ed è la nuova strategia di “economia comportamentale” che spinge le persone a fare le scelte giuste per migliorare il benessere personale e quello del Paese. Secondo uno studio di Mark Whitehehad, geografo dell’Aberystwyth University, sono più di 130 le nazioni che la applicano. In italiano Nudging può essere tradotto come “la spinta gentile” verso la salute. Il giornale The Thelegraph la riassume come: “A new way of thinking” (ndr. un nuovo modo di camminare). L’idea di fondo è cambiare l’architettura del contesto, entrando nei piani educativi degli stati e nelle strategie di marketing delle aziende, indirizzando le persone a fare la cosa migliore in termini di istruzione, sanità e risparmio energetico. L’immagine più rappresentativa è quella di un animale adulto che dà leggeri colpi al suo cucciolo per farlo camminare meglio. L’approccio è tutt’altro che casuale. “Ci sono dei criteri scientifici che si fondano su evidenze empiriche – spiega Paolo Moderato, docente di Psicologia Generale presso la Iulm di Milano e fondatore di Nudge Italia – si agisce sui contesti per favorire i comportamenti virtuosi”. E anche Daniel Kahmeman, nel suo libro “Thinking fast and slow” parla di blas cognitivi, cioè di errori sistematici commessi in determinate condizioni e contesti e che influenzano le scelte degli individui. Ed è proprio agendo su questi blas che possono essere osservati, e soprattutto prevenuti, gli effetti sul comportamento. Anche in Italia il fenomeno si sta rapidamente diffondendo come dimostra un’indagine promossa dall’agenzia di comunicazione Found! attraverso l’analisi si 200 testate internazionali e 1200 siti internet.

See on repubblica.it

28
Set
16

Psicodemocrazia. Quanto l’irrazionalità condiziona il discorso pubblico

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Le più fini menti sociologiche tra fine ottocento e primo novecento, da Max Weber a Joseph Schumpeter, lo avevano compreso e ne avevano tratto le conseguenze: il cittadino informato e razionale immaginato dalla teoria democratica classica, colui che fa scelte politiche a ragion veduta, dopo avere considerato e soppesato le diverse alternative, non esiste. Poiché il cittadino-elettore è vittima del suo disinteresse per la cosa pubblica, della sua ignoranza e dei suoi stereotipi, spinto da passioni “calde” anziché da freddi ragionamenti, l’unico modo per salvare il salvabile degli ideali democratici era, per quelle menti, ridefinire in chiave realistica la teoria della democrazia: la democrazia altro non era, né poteva essere, che il luogo del confronto e della competizione fra élites impegnate a disputarsi il voto di elettori su cui il richiamo emozionale fa normalmente più presa delle proposte e dei ragionamenti programmatici. Le ricerche empiriche sugli atteggiamenti e i comportamenti degli elettori condotte dai politologi statunitensi a partire dagli anni venti/trenta e in seguito anche dai politologi europei diedero nuova linfa, offrirono le indispensabili pezze d’appoggio a quei teorici – da Robert Dahl a Giovanni Sartori, da Raymond Aron a Norberto Bobbio – che scelsero di continuare l’opera dei fondatori della teoria realistica della democrazia.

See on glistatigenerali.com

28
Set
16

Come scoraggiare l’uso dello smartphone mentre si guida – Wired

See on Scoop.itBounded Rationality and Beyond

Sequestri e analisi come a Torino o nudging come in Giappone? Al centro della dipendenza rimane la nostra oscura paura di rimanere tagliati fuori dallo show personale

Perché non ce la facciamo a sganciarci dallo smartphone mentre guidiamo? È davvero una di quelle situazioni del tutto surreali in termini di costi-benefici: possiamo uccidere, ucciderci e procurare enormi danni materiali alla nostra auto e ai mezzi degli altri. Eppure quel controllo compulsivo che ruota intorno a quelle tre o quattro applicazioni, e che ha ormai tutti i caratteri della dipendenza anche quando qualcuno la traveste da necessità “di lavoro”, ci sembra impossibile da interrompere. Due casi, in questi giorni, sembrano proporre altrettante strade diametralmente opposte di affrontare il dramma. Perché di questo si tratta quando la Polizia stradale racconta di oltre 30mila multe per guida col cellulare dallo scorso gennaio, il 26,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2015. Da una parte c’è la formula Torino. Nel capoluogo piemontese la polizia municipale sta diventando caso di studio. Per la prima volta, su incarico di un magistrato nel caso di un grave incidente, è stato sequestrato e messo sotto la lente l’intero ecosistema tecnologico del conducente sospettato di essere il responsabile del fatto.

See on wired.it




Time is real? I think not

settembre: 2016
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Commenti recenti

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Unisciti ad altri 1.155 follower

Latest Tweets


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: