Archivio per agosto 2017

22
Ago
17

The Paradox of Music-Evoked Sadness: A Survey of Personality and Reward

Questo studio esplora l’esperienza della tristezza indotta dall’ascolto della musica. La tristezza è comunemente considerata un’emozione negativa e pertanto evitata nella vita quotidiana. Rimane una questione aperta: perché quindi le persone apprezzano la musica triste? Gli Autori presentano i risultati di uno studio condotto online che ha coinvolto 722 partecipanti occidentali e orientali. Lo studio indaga gli effetti gratificanti delle emozioni tristi evocate dalla musica, nonché l’apporto relativo alle caratteristiche dell’ascoltatore e alle situazioni che contribuiscono all’apprezzamento della musica triste. Lo studio esamina inoltre i differenti principi attraverso i quali la tristezza viene evocata dalla musica e la sua interazione con i tratti della personalità.I risultati mostrano quattro diversi aspetti gratificanti della musica triste: l’effetto dell’immaginazione, la regolazione delle emozioni, l’empatia e l’assenza di implicazioni nella vita reale. Inoltre, l’apprezzamento della musica triste segue una modalità congruente con l’umore ed è più grande tra gli individui con maggiore empatia e minore stabilità emotiva. Sorprendentemente la nostalgia piuttosto che la tristezza è l’emozione più frequente evocata dalla musica triste. Di conseguenza, la memoria è stata valutata come il principio più importante attraverso il quale l’emozione viene evocata dalla musica triste. Infine, il tratto di empatia contribuisce all’evocazione della tristezza attraverso il contagio, l’apprezzamento e il coinvolgimento delle funzioni sociali. I presenti risultati indicano che la risposta emotiva alla musica triste è sfaccettata, modulata dall’empatia e collegata a una esperienza multidimensionale del piacere.

Sorgente: The Paradox of Music-Evoked Sadness: A Survey of Personality and Reward

Annunci
16
Ago
17

The Advice Process – Flaws and Fixes

Sorgente: The Advice Process – Flaws and Fixes

16
Ago
17

What we need to learn

quantum shifting

Bring to mind one of your best working moments.  One of those times when you felt on top of the world, when you were just ‘flowing’ or when you felt the warm glow of success.  It could have been when that new client signed up with you…..when you finally worked through a long-standing conflict with someone while at the same time growing a positive working relationship….when you overcame your fears to achieve a breakthrough of some sort.

You will doubtless have many of these moments.

Right now, focus on just one of them.  Recall what you were doing, who was with you, how you felt, how others responded to you.  Enjoy it as you recall it.

IMG_6087

Now bring to mind of your worst working moments.  That time you wanted the earth to open up and swallow you….when you felt so bad that you couldn’t look others in the eyes….that moment…

View original post 1.205 altre parole




Time is real? I think not

agosto: 2017
L M M G V S D
« Giu   Dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Commenti recenti

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.020 follower

Latest Tweets

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: