Cos’è la Compliance aziendale? Una funzione di cui si sente sempre più spesso parlare e spesso senza individuarne il significato e i confini operativi di questo ruolo strategico per la competitività aziendale e, in alcuni casi, anche richiesto dai regolamenti.

Chiariamo che una definizione in italiano più corretta del termine inglese, anche se è più diffuso il termine “conformità”, è sicuramente acquiescenza. Il termini rende meglio l’idea dinamica e proattiva dell’agire passivo o remissivo (quando non approvativo e di accettazione) nei confronti di una norma di legge. Il termine “conformità” ha invece il difetto di rendere il rispetto di una legge un aspetto fondamentalmente formale “conforme”. Se c’è una cosa che a compliance deve tenersi lontano è gli aspetti solo formali, ovvero quella che nel mondo anglosassone chiamano “paper compliance” ovvero conformità delle carte. Tale degenerazione diviene drammatica e pericolosa quando aspetti burocratici finiscono per prevalere e divenire erroneamente sostanza. Nel caso della corruzione e delle infiltrazioni criminali nell’economia, specie in Italia, si assiste negli ultimi anni a quella che è oggi detta “criminalità dalle carte in regola”.

La compliance richiede figure esperte specifiche in azienda e chiaramente va declinata in funzione delle dimensioni aziendali

L’esperto di Compliance è colui che cura e consolida l’immagine aziendale dal punto di vista della correttezza delle procedure e del rispetto delle norme. Tutto ciò, al fine di non incorrere in sanzioni che potrebbero danneggiare la reputazione dell’azienda nei confronti dei clienti, dei partner e di tutti gli stakeholders in generale. Questo significato ultimo di Compliance vale soprattutto in quegli ambiti di business nei quali la fiducia è un elemento imprescindibile per la transazione.

Non per altro, accordi sovranazionali di specifici settori richiedono espressamente l’attivazione di una funzione Compliance: è il caso di Basilea II per ciò che riguarda il settore bancario o le best practices del settore finanziario-assicurativo. Lo stesso vale per le imprese quotate in borsa che fanno, della sicurezza nel mantenimento di uno standard qualitativo alto, lo strumento necessario nel rapporto con gli investitori.

Ciò che differenzia la Compliance dall’Internal Audit è il fatto che quest’ultimo è solo uno dei presidi dei quali si serve la Compliance per un controllo di qualità trasversale tra le varie funzioni aziendali e per l’attività di prevenzione e stimolo operativo per l’attuazione delle buone prassi che salvaguardano l’immagine aziendale anche nel lungo periodo.

Il significato, la funzione e la struttura sulla quale si basa la Compliance possono subire variazioni a seconda delle dimensioni dell’azienda o della realtà nella quale viene attuata, di recente è stata resa praticamente obbligatoria, anche esterna, dall’art. 14 della legge 155/2017 sotto forma di dovere di imprenditore di “istituire assetti organizzativi adeguati per la rilevazione tempestiva della crisi e della perdita della continuità aziendale ” e si è anche modificato il Codice Civile in tal senso. Potevano chiamarla per nome ma di fatto si tratta chiaramente della Funzione Compliance evitando così confusione di attribuzioni a figure che sono al più dei presidi di Compliance ma non una Funzione di Compliance (sindaci revisori, OIV, ed altre figure oggi presenti nelle imprese) in cui si tengano conto dell’insieme dei fattori di rischio che incombono in un’impresa.

In pratica oggi sempre più (si vedano gli orientamenti recenti delle stesse norme ISO) la Compliance Aziendale è il fattore chiave la consapevolezza e la mitigazione e la gestione dei fattori di rischio che incombono nelle imprese.



Time is real? I think not

novembre: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Commenti recenti

Lorenzo Bosio su Un testo che trascende le sue…

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 1.160 follower

Latest Tweets


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: